Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.

Continuando ad utilizzare questo sito Web stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei cookies.

Per accettare in via permanente e rimuovere questo avviso, fai click su 'ACCETTO'.

Smaller Default Larger

Coltivazione dei Meloni gialli “di Paceco”

yellow melonsIl melone giallo ha origine nel comune di Paceco ma la sua coltivazione si estende nei comuni di Trapani,Palermo e Agrigento.

Il melone giallo è conosciuto anche come "melone d'inverno" per la sua caratteristica di poter essere conservato molto a lungo, a volte fino a gennaio.

Il melone giallo può essere scelto maturo, per una consumazione entro 3-4 giorni dall'acquisto, oppure più acerbo, per essere conservato fino all'inverno.

Il melone maturo deve avere un colore giallo profondo, intenso, piuttosto scuro. Se picchiettato con le nocche non deve produrre alcun suono. La scorza deve essere intatta. Purtroppo, al contrario dei meloni estivi, non è possibile utilizzare il proprio naso perché non fanno alcun odore!

Il melone acerbo ha un colore più pallido, chiaro e sbiadito. Da conservare in frigorifero ad una temperatura non inferiore ai 5° C perchè altrimenti potrebbe ammaccarsi, non conservarlo assieme alle verdure perchè in grado di deteriorarle.Per la conservazione invernale è importante tenerli in una cassetta forata, in un solo strato, in un luogo asciutto,fresco e ventilato.

E' un prodotto per il quale è in corso il riconoscimento come I.G.P..

Coltivazione delle olive

oliveL'olivo caratterizza il paesaggio delle due valli del Belice e di Erice, che si estendono verso il Mar Tirreno e il Mediterraneo, fin dai tempi dei Greci e dei Fenici.

Nel periodo delle dominazioni arabe e spagnole l'olio ha assunto maggiore rinomanza e peso nelle attività agricole. Diversi oliveti impiantati dagli Spagnoli caratterizzano tutt'oggi il paesaggio delle Valli Trapanesi e hanno assunto notevole valore storico.

L'olio extravergine d'oliva "Valli Trapanesi" è diventato una D.O.P. nel 1997.

Si tratta di un olio che viene ottenuto dalle cultivar Cerasuola e Nocellara presenti da sole.

All'immissione al consumo l'olio ha un colore verde con riflessi giallo oro e un profumo d'oliva appena franta con sentori d'erba, un sapore fruttato, leggermente amaro e piccante con il retrogusto di mandorla dolce.

In cucina quest'olio si utilizza per condimenti sia a crudo per insalate, verdure lesse, minestre di legumi, pesci e carne, sia in cottura per salse di pomodoro, carni e pesce alla brace.

Coltivazione dell'uva

grapesLa coltivazione delle uve bianche si concentra soprattutto nella Sicilia occidentale, nelle zone di Trapani, Agrigento e Palermo; la coltivazione di quelle a bacca rossa ha luogo, soprattutto nella Sicilia orientale, ma avviene anche in quella occidentale.

Per quanto riguarda la produzione di vini siciliani con uve autoctone a bacca bianca si coltivano qualità come il Carricante, il Catarratto, il Grecanico, il Grillo, l'Inzolia, lo Zibibbo e il Moscato d'Alessandria.

Tra i vini siciliani prodotti con uve a bacca rossa spiccano il Frappato, il Nerello Cappuccio, il Nerello Mascalese, il Nero d'Avola e il Perricone.

Accanto alle autoctone non mancano le internazionali come le uve Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot, Muller Thurgau, Pinot Nero e Syrah e varietà toscane come Trebbiano Toscano, Sangiovese e Barbera.

saline natura